Guida pratica

Prenotazione soggiorno

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 

Museo degli Sguardi

Raccolte etnografiche di Rimini
Indirizzo: 
Villa Alvarado - Covignano di Rimini
Telefono: 
0541/751224 (Museo)- 0541/704421 - 0541/704426 (Segreteria)
Fax: 
0541/704410

Dopo la chiusura al pubblico nel 2000, il Museo delle Culture Extraeuropee "Dinz Rialto" di Rimini, uno dei principali musei italiani dedicato interamente alle culture a livello etnologico ed archeologico dell'Africa, dell'Oceania, dell'America precolombiana e in minima parte dell'Asia, si presenta nel nuovo ordinamento a Villa Alvarado, sul colle di Covignano.

Dall'inaugurazione, avvenuta il 17 dicembre 2005, il Museo ha assunto la nuova denominazione "Museo degli Sguardi. Raccolte Etnografiche di Rimini" in relazione al progetto elaborato dall'antropologo Marc Augé, già Direttore dell'École des Hautes Études di Parigi, e dal Comitato Ordinatore, composto da Antonio Aimi, Maurizio Biordi, Marcello Di Bella, Paolo Fabbri, Pier Luigi Foschi, Laura Larencich Minelli, Antonio Paolucci e Luigi Pezzoli in collaborazione con Vittorio Carini della "Biblioteca delle arti e tradizioni africane" di Capriate (BG).
Il Museo analizza lo sguardo occidentale verso le culture "altre" attraverso il tempo, dalle cinquecentesche "camere delle meraviglie", ai musei etnologici e archeologici dell'Ottocento, alla dimensione estetica del "Primitivismo modernista" tra Otto e Novecento. L’obiettivo è quello di avvicinare il proprio pubblico alla dimensione riflessiva della relazione con l’arte degli altri, rivelandola nei diversi aspetti che essa ha assunto a seconda dello sguardo. È un invito al sogno, alla riflessione e al viaggio che mira a soddisfare quel bisogno di stupire, di capire e di ammirare. Il progetto riflette anche i risultati di convegni e discussioni che hanno coinvolto i musei del mondo occidentale impegnati in radicali ristrutturazioni.
Per la Città di Rimini si tratta di un evento molto atteso, visto che al momento non esistono in Europa altri musei con questa specifica denominazione benché, con il dibattito in corso, vari musei dedicati alle culture extraeuropee tendano a questa peculiarità.

Sede del nuovo museo è la pregevole villa costruita nel 1721 da Giovanni Antonio de Alvarado, Segretario per l'Italia dell'imperatore Carlo VI di Spagna, restaurata a cura del Comune di Rimini e pronta ad accogliere parte delle oltre 7.000 opere che costituiscono il patrimonio museale.
La villa era già sede dal 1928 del Museo delle Grazie dei Frati Francescani, che raccoglieva oggetti raccolti dai Frati stessi durante le missioni. Questi oggetti sono ora in parte confluiti nella vasta raccolta del Museo, che vanta pregevoli opere archeologiche ed etnografiche dell'Africa, Oceania ed Asia, tra le quali si distingue la prestigiosa Collezione Archeologica Precolombiana Ugo Canepa di Biella. Si tratta di manufatti di vari materiali prodotti da culture e civiltà anticamente disseminate nel continente americano prima dell'arrivo dei Conquistadores spagnoli nel corso del XVI secolo.
Ultimamente il Museo si è arricchito anche di un'esigua ma significativa collezione amazzonica donata dal signor Bruno Fusconi di Cesena.

Orario feriale: 
fino al 31 agosto: martedi 14-19 e sabato 10-15
dal 1° settembre: mercoledì e sabato 8.30 - 13
Negli altri giorni il Museo degli Sguardi può essere visitato su richiesta (tel. 0541.704421-26 in orario d'ufficio dal lunedì al venerdì)
Periodo di apertura: 
annuale
Gratuità: 
Ingresso gratuito tutti i giorni. Visite guidate per studenti (su prenotazione) € 1,50
Il servizio di guida per gli altri visitatori è previsto per gruppi di max 25 persone al costo di € 30,00 per ogni gruppo
Come arrivare: 
Collina In auto: prendere via Covignano e proseguire oltre la Circonvallazione Bus n° 15 dalla stazione ferroviaria
Notizie aggiuntive: 
Il Museo mette a disposizione nel suo portale la Banca Dati TAP sull'arte etnica. Si tratta della prima informazione disponibile sui prezzi e sulle caratteristiche dei beni d'arte etnica. E' posta online come servizio al pubblico e consente la consultazione dei prezzi di stima e aggiudicazione a valori correnti e costanti (aggiustati per il tasso di inflazione) in euro e in dollari. Mentre per i dipinti d’arte antica e moderna l’analisi dei prezzi, la valutazione della redditività e della rischiosità dell’investimento, la determinazione della dimensione del mercato e della probabilità di vendita costituiscono esercizi ormai consolidati, questa banca dati rende possibile l’analisi, con gli stessi criteri, del mercato dell’arte etnica nel suo complesso e dei suoi diversi segmenti.
Area turistica: 
mare costa adriatica
Data ultimo aggiornamento 29/08/2016 - 12:59