Cosa fare

Prenotazione soggiorno

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 

Io ti vedo così

Mostra fotografica dedicata alle ipovisioni e non visioni
Telefono: 
0541 793851 (Museo); 0541 29069 (Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti Rimini);
Località: 
Museo della Città, via Tonini 1 - Rimini centro storico

La mostra è un percorso itinerante su ipo-visioni e non-visioni curato dall’artista Beatrice Pavasini, esperta in progetti sulla relazione fra il vedere e la fotografia. L'esposizione, che intende invitare i visitatori a osservare il mondo dal punto di vista delle persone colpite da ipovisione, è organizzata dall’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti di Forlì-Cesena e di Rimini, con la collaborazione del Centro Regionale di Ipovisione dell’U.O. di Oculistica dell’Ospedale Bufalini di Cesena e dei Musei Comunali di Rimini.
Segui anche su Facebook

Periodo di svolgimento: 
dal 17 ottobre al 1° novembre 2015
Orario feriale: 
da martedì a sabato 8.30-13 e 16-19; lunedì chiuso
Orario festivo: 
domenica e festivi 10-12.30 e 15-19
Ingresso: 
libero
Notizie aggiuntive: 

La mostra è stata ideata a partire da un lavoro svolto all’interno del Gruppo di sostegno mensile del Centro Regionale di Ipovisione dell’U.O. di Oculistica dell’Ospedale Bufalini di Cesena, rivolto ai pazienti ipovedenti e ai loro familiari e dedicato all’approfondimento e alla gestione dei problemi che una persona con grave deficit visivo incontra nella quotidianità, attraverso sedute riabilitative  e di ascolto e  incontri con esperti e operatori di settore.

Una parte del lavoro del gruppo ha l’obiettivo di far conoscere alle persone “normali” come un soggetto ipo-vedente percepisce il mondo che lo circonda: una delle idee emerse è stata quella di realizzare delle sagome di figura umana, a grandezza naturale, su cui imprimere delle fotografie di persone, modificate in maniera tale da riprodurre la qualità di visione caratteristica. Da qui è nata l’idea della mostra, che - in collaborazione con la sezione provinciale dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti - ha visto il coinvolgimento dei membri del gruppo di sostegno, che si sono prestati per raccontare la loro esperienza e il loro vissuto di ipovedenti.

Osservando tali sagome, le persone normo-vedenti possono vedere il mondo nello stesso modo di una persona affetta da disabilità visiva grave e, per un momento, immedesimarsi in quella condizione. Il grave deficit visivo, infatti, obbliga la persona a una profonda riorganizzazione non solo della propria vita quotidiana e pratica, ma anche di se stessa, della propria identità, della propria vita di relazione, del proprio ruolo, all’interno della famiglia, della coppia, della società in genere.

Data ultimo aggiornamento 16/10/2015 - 11:39