Prenotazione soggiorno

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 
Home / Eventi / Manifestazioni e Iniziative / Calendario degli eventi

[APARTE] Convivium /spazio1 - Magna Carta /spazio2

dal 1° febbraio 2021
Palazzo del Podestà - Piazza Cavour Rimini centro storico
Due mostre temporanee in occasione dell'apertura del PART di Rimini

Riaprono, dopo la lunga chiusura dei musei per le restrizioni anti Covid, due mostre temporanee che si affiancano all'apertura del Part, Palazzi dell’Arte, a Rimini. Il Museo, situato nella centralissima Piazza Cavour, è il nuovo sito museale che riunisce in un progetto unitario la riqualificazione a fini culturali degli storici Palazzi dell'Arengo e del Podestà, al cui interno è esposta la collezione d’arte contemporanea della Fondazione San Patrignano, formatasi negli anni per le donazioni di artisti, collezionisti e galleristi.
La prima esposizione dislocata nello spazio1, al primo piano del Palazzo del Podestà sotto una sigla denominata [APARTE] è Convivium, con i lavori di Francesco Bocchini, Vittorio D’Augusta, Luca Giovagnoli, Marco Neri, Nicola Samorì, mentre la seconda è allestita nello spazio2, al secondo piano dello stesso, e raccoglie le opere recenti di Denis Riva, con il titolo 'Magna Carta' quest'ultima a cura di Massimo Pulini.
Gli artisti che hanno aderito ad una esposizione il cui filo conduttore è l'incontro composito, la relazione tra umano e arte, ognuno con il proprio carattere e l'impronta artistica sono: Francesco Bocchini, Vittorio D’Augusta, Luca Giovagnoli, Marco Neri, Nicola Samorì e Denis Riva.
Dal martedì a venerdì non è necessario prenotare l'ingresso, mentre nel fine settimana è obbligatoria la prenotazione online o telefonica (che deve avvenire almeno un giorno prima). 

Orario festivo: 
domenica e i festivi dalle 10 alle 19
Orario feriale: 
dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13 e dalle 16 alle 19
Telefono: 
0541 793879

Cinema Tiberio e Tiberio Sala Virtuale

fino al 30 giugno 2021
Cinema Teatro Tiberio, via San Giuliano 16 - Rimini Borgo San Giuliano
Cinema in presenza e Canale di film in streaming

L'attività del Cinema Tiberio in presenza è ripartita. Si consiglia l’acquisto dei biglietti on line su Liveticket, che darà modo di scegliere comodamente e in anticipo il posto preferito, evitando code all’ingresso. Le commissioni di prevendita sono interamente a carico del Cinema Tiberio. Resta comunque attiva la possibilità di comprare i biglietti direttamente alla cassa del cinema, il giorno stesso di proiezione o, in prevendita, senza commissioni aggiuntive. Per scoprire il programma CLICCA QUI.
Tuttavia continua il canale di film in streaming TIBERIO SALA VIRTUALE. 
Il progetto prevede l’autonomia della programmazione dei singoli cinema aderenti. Per accedere alle proiezioni, occorre registrarsi ed acquistare il biglietto su LiveTicket, scegliendo il film / giorno / ora di proiezione.
Completato l’acquisto su LiveTicket lo spettatore riceverà due mail, una relativa alla fattura d’acquisto e la seconda con il link per accedere alla Sala Virtuale.
Dopo l’acquisto del biglietto, lo spettatore virtuale ha 30 GIORNI per effettuare il 1° collegamento. Successivamente il film sarà a disposizione per 48 ORE (permettendo di interrompere la visione, rivedere il film ecc).
Sono in programma anche incontri “virtuali” attraverso dirette streaming con registi e cast per la presentazione dei film selezionati. Programma completo
Segui su Facebook

Orario: 
Tiberio sala virtuale: Prime Visioni: da € 7,90. Film di Catalogo: da € 3,00
Cinema Tiberio in presenza: Interi 7€ / Ridotti 6€
Telefono: 
328 2571483

208. Installazione pubblica di Gio Tirotto

Dal 5 dicembre 2020 all'estate 2021
Rimini, piazza sull’Acqua, Ponte di Tiberio
Installazione di luce sull’acqua per Luxmas

Un vero e proprio omaggio al design contemporaneo sperimentale illumina, dal 5 dicembre, la superficie della Piazza sull’Acqua a ridosso del Ponte di Tiberio, con una installazione luminosa da parte di uno degli studi più interessanti della scena creativa italiana. Il Comune di Rimini, in collaborazione con Laboratorio Aperto, ha commissionato al progettista Gio Tirotto, il progetto 208, un’installazione luminosa sull’acqua che lambisce il Ponte di Tiberio, nel Borgo San Giuliano. Curato da Maria Cristina Didero, 208 è una installazione pubblica dal messaggio universale, una imponente e suggestiva scultura luminosa fruibile da tutti. 208 sono le nazioni del mondo e 208 sono le boe nel grande bacino a ridosso del Ponte di Tiberio.
Le boe di Gio Tirotto vivono nel loro elemento naturale, ma svuotate della loro funzionalità originaria ne guadagnano una del tutto simbolica: la speranza e la visione di un mondo finalmente unito. Assorbendo la luce del sole durante il giorno, all’imbrunire i rombi opalini di 208 iniziano la loro leggera danza trasformando il paesaggio circostante in un inconsueto e rassicurante corpo segnaletico in continuo movimento, una lieve sinfonia di bagliori dove ciascun galleggiante accumula energia autonomamente in maniera variabile, a seconda della sua posizione. Ogni elemento è un organismo indipendente ma parte del tutto, legato agli altri. Ogni boa reagisce in maniera differente agli stimoli esterni esplicitando la convivenza tra collettività e individuo. Approfondisci qui
L'installazione, partita come parte delle iniziative natalizie Luxmas, rimarrà ad illuminare le acque dell'invaso continuando a danzare sull’acqua fino alla prossima estate e accompagnando le iniziative dedicate ai festeggiamenti dei duemila anni del Ponte di Tiberio, monumento e simbolo della città, i cui lavori di costruzione, iniziati nel 14 d.C. sotto Ottaviano Augusto, terminarono nel 21 sotto Tiberio (21 - 2021).

Time to Resume

dal 4 febbraio 2021
Ala Nuova del Museo della Città, via Tonini, 1 - Rimini centro storico
Mostra nell'ambito della Rassegna sulla Fotografia al Museo della Città

La mostra TIME TO RESUME (tempo di riprendere) si inserisce nell'ambito della consueta rassegna annuale dedicata alla Fotografia, Rimini Foto d'Autunno.
Quest'anno il tema riguarda l'intreccio sempre più intricato tra fotografia e pittura. La mostra mette in campo personalità diverse, artisti e fotografi, in una osmosi inedita tra mezzi espressivi strettamente legati tra loro, in una sorta di corale appello ai linguaggi della fotografia e non solo. All'interno della mostra del primo piano dell'ala nuova del museo della città, tra gli altri, un intervento insolito di Vittorio D'Augusta che parte da una foto per dispiegare una sua narrazione pittorica. Una mostra resumé di questi anni di Isabella Balena e non ultima una chicca di Italo Di Fabio, il prototipo storico del foto-amatore italiano e riminese d'adozione presentato da riminisecondotre. Tra gli altri artisti, Annamaria Bernucci, Fabio Bruschi, Maria Pia Campagna, Gianni Gori, Stefano Mina, per Silverbook Produzioni Piero Delucca e Flavio Marchetti.
Il titolo, Time to resume, nasconde una condizione esistenziale ed al contempo è capace di esprimere l’aderenza al tempo attuale con estrema efficacia.

Orario: 
dal martedì al venerdì con orario: 9.30-13 e 16-19
sabato, domenica e festivi dalle 10 alle 19
Ingresso: 
gratuito
Telefono: 
0541 703851

Francesca 2021

Dall'8 marzo fino a dicembre 2021
Tributo a Dante e a Francesca da Rimini nel VII centenario della morte del Poeta

Rimini e Gradara per un giorno al centro del mondo grazie a Dante e Francesca da Rimini.
Con WORLDWIDE KISSES | BACI DAL MONDO, il Flash mob ecumenico, Tributo a Dante e a Francesca da Rimini, l'8 marzo 5 continenti, 21 università, 30 docenti e 100 giovani di ogni etnia e 18 lingue, si sono collegati live streaming dal Teatro Galli di Rimini per celebrare Francesca da Rimini, Dante e la Commedia della quale Francesca è il personaggio più amato e celebrato, recitando i versi a lei dedicati.
Una maratona di 10 ore con i baci d’amore e di passione più celebri della letteratura d’ogni tempo, quelli di Francesca, che sono giunti a Rimini da ogni latitudine avvolgendo il mondo in un corale abbraccio costruito sulla lettura dei versi di Francesca del V Canto dell’Inferno che sono stati interpretati in piena libertà da ciascuna università. 
20.651 sono state le persone raggiunte dalla pagina FB e 17.090 raggiunte dall’evento, per un totale di 37.741 contatti in 4 settimane. E 4.851 le visite al sito web nella giornata dell’8 marzo.
L’intero video della giornata, tra le iniziative più importanti e più originali che festeggeranno il Centenario Dantesco 2021, è consultabile a questo link www.bacidalmondo.com 
21 sono state le straordinarie performance realizzate dagli studenti che hanno affascinato e commosso il mondo intero superando ogni barriera e le tante difficoltà create dalla pandemia.
I collegamenti sono stati effettuati da: Adelaide, Amsterdam, Barcellona, Bologna, Buenos Aires, Ekaterinburg, Friburgo, Gottinga, Johannesburg, Los Angeles, Madison, Madrid, Mariupol, Msida, New York, Paris, Pesaro, Quito, Ravenna, San Marino, San Paolo, Santiniketan, Shanghai, Siena, Toronto.  Dai filmati verrà ricavato un documentario e una pubblicazione a stampa da diffondere con finalità didattiche e divulgative.
Dopo l’appuntamento dell’8 marzo, la maratona poetica planetaria si è trasferita, in occasione del RIMINIDANTEDÌ proprio nel centro della città di Francesca: Rimini, in piazza Cavour, paradossalmente vuota per pandemia. Le performance proiettate sulle facciate dei Palazzi Comunali in versione ridotta hanno animato la piazza dalle 19.30 di mercoledì 24 alle 6.30 di giovedì 25 marzo. Diretta streaming su www.bacidalmondo.com/dantedi
La giornata, ideata da Ferruccio Farina, studioso appassionato dell'argomento e organizzata dal Centro Internazionale di Studi Francesca da Rimini, prestigioso il comitato scientifico con dantisti di rango internazionale, rientra nell'ambito del progetto "Francesca 2021" e dà l’avvio alle celebrazioni dei territori malatestiani tra Romagna e Marche che prevedono, tra la primavera e l’estate 2021, un ricco programma di esposizioni, spettacoli, eventi, attività didattiche, percorsi guidati, volti al recupero di attenzione per la storia, le arti, la memoria e, soprattutto, per i valori positivi che Francesca rappresenta.

Namaste - Donne in cammino: Sguardi sul quotidiano femminile

dall'8 marzo al 30 giugno 2021 - compatibilmente con l’evoluzione della situazione sanitaria e con i nuovi decreti
Sede Provincia di Rimini, via Dario Campana, 64 - Rimini
Mostra fotografica nella sede della Provincia di Rimini

Lunedì 8 marzo ha inaugurato in forma virtuale la mostra fotografica 'NAMASTE - DONNE IN CAMMINO, Sguardi sul quotidiano femminile'.
L'esposizione prende spunto dai progetti di sostegno allo studio, al lavoro, alla salute che l’associazione Namaste porta avanti per migliorare la condizione femminile nelle realtà rurali del Kerala e Tamil Nadu (India del Sud), dove opera da decenni.
Una quarantina di scatti che spaziano tra situazione di lavoro, il quotidiano tra casa e famiglia, le giovani generazioni, gesti e sguardi femminili che si allargano ad una pluralità di culture incrociando momenti di vita di donne immigrate nel nostro territorio.
La mostra rimane aperta fino al 30 giugno ed è visitabile, compatibilmente con l’evoluzione della situazione sanitaria e con i nuovi decreti, nel rispetto della normativa Covid, negli orari di apertura della sede della Provincia di Rimini.

Orario: 
da lunedì a giovedì dalle 9.00 alle 17.00
Ingresso: 
gratuito
Telefono: 
0541.716236 Ufficio Pari Opportunità della Provincia di Rimini

Uno e centomila. Scopertine tipografiche

dal 31 marzo 2021
Biblioteca Gambalunga, via Gambalunga, 27 - Rimini centro storico
Mostra tipografica di Stefano Tonti nella Corte della Biblioteca Gambalunga

La Corte della Biblioteca Gambalunga, è allestita con le 'Scopertine Tipografiche' del designer Stefano Tonti, che mettono in scena una giocosa animazione di titoli di libri famosi. 
Le ventiquattro “scopertine” diventano un modo speciale per presentare la natura poliedrica e magica della biblioteca, una sottolineatura del suo essere un luogo di resistenza dell’immaginazione, un asilo per i molti linguaggi dell’uomo. Un invito a superare la sua soglia.
In base alle norme anti-Covid, per ora l’allestimento è visibile ai soli frequentatori della biblioteca, che usano i suoi servizi su prenotazione, ma l’installazione è pensata per essere da tutti visitabile, quando la situazione sanitaria lo consentirà, negli orari di apertura della Gambalunga. Con l’idea che la biblioteca diventi parte della vita quotidiana delle persone, e la sua Corte sia un luogo in cui incontrarsi, conversare, ascoltare, vedere.   

Orario: 
dal lunedì al venerdì: 9-13; 14-19; sabato 9-13
Ingresso: 
su prenotazione
Telefono: 
0541 704486

Speciale Isola delle Rose

on line
Fonte documentaria fotografica depositata presso l'Archivio fotografico della Biblioteca Gambalunga

La principale fonte documentaria fotografica della storia dell'Isola delle Rose, dalla quale ha ampiamente attinto la produzione Netflix, si trova oggi depositata presso l'Archivio fotografico della Biblioteca Gambalunga di Rimini, all'interno dell'archivio del fotografo Davide Minghini (1915-1987) che attraverso il suo obiettivo ha raccontato oltre 40 anni di vita riminese. 
Scopri la storia e guarda le foto sul sito di riferimento

Per Documento e Meraviglia. Una storia lunga 400 anni

on line
Mostra in occasione dei 400 anni della Biblioteca Gambalunga di Rimini 1619 - 2019

E' on line la mostra dedicata al ricco patrimonio bibliografico e iconografico nel 400esimo anno dalla nascita della Biblioteca Gambalunga.
L’evento è stato ideato e curato dalla direttrice Oriana Maroni, con la collaborazione per la sezione storica dello scrittore Piero Meldini e il contributo di Maria Cecilia Antoni e Nadia Bizzocchi.
La mostra propone un viaggio nel tempo alla scoperta dei poliedrici volti della città. Da leggersi attraverso i preziosi codici, le fragili carte d’archivio, le fantasmatiche fotografie “sviluppate” nell’esperienza immersiva della Galleria dell’Immagine.
Si incontreranno i progenitori illustri di cui la città ha favoleggiato; si ammireranno i manoscritti della raffinata ed enigmatica corte malatestiana; si leggeranno le appassionate discussioni sull’identità cittadina, il suo segno zodiacale, i dialoghi scientifici con gli intellettuali d’oltralpe, fino alle narrazioni che hanno fatto di Rimini un mito dell’immaginario contemporaneo. Il suo punto di approdo è anche una ri-partenza. La prima delle sale antiche ha ospitato l’installazione dell’artista Daniele Torcellini, Ex libris per luci cangianti, che traduce la meraviglia dei libri e del sapere nella meraviglia estatica di colori mai visti.

Ingresso: 
libero