Prenotazione soggiorno

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 
Home / Torriana e Montebello

Torriana e Montebello

Torriana e Montebello

Torriana, a pochi chilometri da Verucchio, fu denominata nell'antichità Scorticata per l'asperità dello spuntone di roccia, quasi del tutto privo di vegetazione, su cui è costruita la Rocca. A condividere l'asprezza ed il fascino di quel luogo, il borgo gemello, Montebello.

Entrambi i borghi si sviluppano su due degli speroni rocciosi della Valle del Marecchia che, in un’era geologica assai lontana nel tempo, sono giunti dal Tirreno e qui si sono assestati ai lati del fiume, e oggi saltano allo sguardo producendo ammirata attenzione. Anche perché il Medioevo ha sfruttato tale conformazione erigendovi le roccaforti imprendibili di Scorticata e di Montebello e i secoli seguenti hanno fatto il resto, creando borghi, fortificazioni e castelli che hanno vissuto gli splendori della Signoria dei Malatesta ma anche le ripetute battaglie con quella dei Montefeltro, causate proprio dall’importanza di possedere punti tanto strategici per il controllo e la difesa del territorio.

I due borghi hanno avuto sorti diverse: Torriana, questo il nome nuovo dato nel 1938, ha subito trasformazioni architettoniche e istituzionali, divenendo capoluogo di Comune, Montebello si è preservato intatto così da donarci fascinazione, storia, e mistero. Tutt’attorno c’è un interessante e ricco ambiente naturale che si è deciso di tutelare attraverso la istituzione dell’Oasi faunistica di Torriana e Montebello e di un centro di studio e ricerca ambientale chiamato Osservatorio Naturalistico Valmarecchia.

La quattrocentesca Fortezza malatestiana di Torriana, poi appartenuta ai Borgia e ai Medici, ha subito rimaneggiamenti nel ‘900 ma resta in vita la storia che nei suoi sotterranei sia stato ucciso Gianciotto Malatesta, resosi tristemente famoso per l’uccisione dei noti amanti, la moglie Francesca e il fratello Paolo. Montebello di nome e di fatto, per l’amenità del suo borgo e del millenario Castello, in cui dimora la leggenda del fantasma di Azzurrina. All’abitato di impianto medievale si accede per un’unica via, attraversando una porta fortificata che oltrepassata, permette di godere gradevoli atmosfere.

> Il mistero di Azzurrina ancora aleggia nella Rocca di Montebello
Un altro castello, perfettamente conservato e visitabile, è quello di Montebello, si erge a poca distanza, continuando la serie di fortificazioni che i Malatesta potenziarono durante il loro dominio.
Nella rocca si trovano mobili di gran pregio che vanno dal 1300 fino al 1700. Bella la collezione di forzieri e cassapanche tra cui spicca una cassa dipinta risalente, si dice, alle Crociate.
Cunicoli misteriosi, passaggi oscuri, pozzi profondissimi e strani accadimenti hanno alimentato la leggenda di un fantasma, una bimba di circa cinque anni, figlia del feudatario, scomparsa nei sotterranei del castello nel 1375:  Azzurrina "aveva gli occhi color del cielo e i capelli chiari coi riflessi azzurrini". Si dice che il 21 giugno di quel lontano anno la bimba scomparve e non venne mai più ritrovata. Qualcuno sostiene che il fantasma di Azzurrina si aggiri ancor oggi tra le mura del castello.
Molte sono le ricerche effettuate dai ricercatori. Tra queste, l'ultima si riferisce al 21 giugno 2010, quando Daniele Gullà e Mattia Mascagmi del Laboratorio di Biopsicocibernetica, hanno rilevato una "presenza" di donna, anche se in abiti più seicenteschi che trecenteschi, fotografandola nell'ala rinascimentale della Rocca.

> Come arrivare
In auto: Rimini - Torriana 20 km circa, da Santarcangelo di Romagna.
Tempo di percorrenza 30 minuti circa.
Per raggiungere Montebello si oltrepassa di pochi chilometri Torriana, lungo l'unica via di accesso alla Rocca.

In bus: per Torriana e Montebello, linea 9 fino a Santarcangelo e poi coincidenza con linea 166 (tel. 0541/300850).

In bici: da Rimini per Santarcangelo, Poggio Berni, poi Torriana, 20 km.
Grado di difficoltà nullo sino al bivio per Torriana, poi veramente impegnativa negli ultimi 3 Km fino al paese.
Tempo di percorrenza 1 ora circa.

> Cosa vedere
fontana l'Albero dell'Acqua
museo laboratorio della tessitura 
osservatorio naturalistico Valmarecchia - Oasi naturalistica di Torriana e Montebello
rocca dei Guidi di Bagno
rocca e torre di Torriana
santuario della Madonna di Saiano

> Scopri di più
www.explorevalmarecchia.it

Area tematica: 
Data ultimo aggiornamento 01/07/2020 - 08:07