Cosa fare

Prenotazione soggiorno

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 
Home / Eventi / Manifestazioni e Iniziative / Museo della Città - Conferenza con la Prof.ssa Clara Mucci

Museo della Città - Conferenza con la Prof.ssa Clara Mucci

Trauma e perdono - Una prospettiva psicoanalitica intergenerazionale
Telefono: 
0541 793851 (Museo)
Località: 
Museo della Città c/o Sala del Giudizio, via Tonini 1 - Rimini centro storico

Il Gruppo di Ricerca Psicoanalitica presenta una conferenza della Prof.ssa Clara Mucci, ordinaria di Psicologia clinica presso l'Università degli studi di Chieti e Pescara e psicoterapeuta a orientamento psicoanalitico. Parlerà del suo libro Trauma e Perdono - Una prospettiva psicoanalitica intergenerazionale.
Dopo un PhD di Psicoanalisi e letteratura presso Emory University di Atlanta, Carla Mucci si è occupata di disturbi boderline come "fellow" presso il Personality Disorders Institute di New York, diretto da Otto Kernberg. É autrice di numerosi studi di psicoanalisi e letteratura.

Periodo di svolgimento: 
sabato 28 marzo 2015
Orario: 
alle 16
Notizie aggiuntive: 

Integrando analisi psicoanalitiche contemporanee, studi classici sul trauma, recentissimi dati neurobiologici sull'attaccamento disorganizzato e ricerche sul trauma individuale e su quello sociale massivo, Clara Mucci delinea una innovativa clinica del trauma basata su un concetto di psicoanalisi come pratica sociale di testimonianza e su una nozione etica e relazionale del processo di cura. Largamente interdisciplinare, corredato di un'ampia bibliografia internazionale e arricchito da una riflessione teorica sofisticata ma sempre concretamente ancorata alla pratica, il volume indica strade nuove per la psicoterapia di uno degli eventi più disconosciuti della nostra società, a livello familiare, intergenerazionale, politico e sociale. Viene inoltre ipotizzato un "al di là del trauma", una possibile interruzione nella catena delle identificazioni traumatiche tra una generazione e l'altra, un "andare oltre" la posizione interna di vittima e di persecutore, processo che l'autrice definisce "perdono" come integrazione intrapsichica delle scissioni interne, senza alcuna accezione religiosa, identificando nella resilienza la capacità del sopravvissuto di superare la disumanizzazione e l'esperienza del male. Questo "al di là del trauma" consiste in una profonda riparazione del soggetto come del tessuto sociale ferito, che permette al sopravvissuto di superare la disumanizzazione subita e l'esperienza del male.

Data ultimo aggiornamento 06/03/2015 - 10:49