Cosa fare

Prenotazione soggiorno

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 
Home / Eventi / Manifestazioni e Iniziative / Antonio Paolucci al Museo della Città per il "Dante Gradenighiano"

Antonio Paolucci al Museo della Città per il "Dante Gradenighiano"

Presentazione del prezioso codice gambalunghiano della Divina Commedia
Telefono: 
0541 704421 - 26
Località: 
Museo della Città, via Tonini, 1 - Rimini centro storico

Presso la Sala del Giudizio del Museo della Città, Imago srl e la Biblioteca Civica Gambalunga, presenteranno al pubblico il facsimile della preziosa Commedia miniata generalmente nota come Dante Gradenighiano. Dopo i saluti di Massimo Pulini, assessore alla cultura del Comune di Rimini, e di Alessandro Giovanardi, responsabile dell'Ufficio cultura della Fondazione della Cassa di Risparmio di Rimini, illustreranno il lavoro eseguito da Imago e racconteranno la storia del prezioso codice Ernesto Milano, Barbara Bertoni, Maria Letizia Sebastiani, Paola Delbianco, Giordana Mariani Canova, Marco Veglia. Chiuderà gli interventi un ospite d’eccezione, Antonio Paolucci, Direttore dei Musei Vaticani.

Periodo di svolgimento: 
venerdì 30 gennaio 2015
Notizie aggiuntive: 

L’illustre codice gambalunghiano della Divina Commedia (1392-1393 o 1399-1400) è generalmente noto come Dante gradenighiano o gradonighiano dal nobile veneziano Giacomo Gradenigo (ca. metà XIV secolo - ante 1420), diplomatico letterato e fine poeta cortigiano, che copiò il poema dantesco, lo corredò di un commento che ripropone in forma accresciuta e più organica quello di Jacopo della Lana, e premise alle cantiche alcune epitomi in terzine di Menghino Mezzani, Jacopo Alighieri e Giovanni Boccaccio. Egli svela la propria identità e il proprio ruolo di copista nel sonetto caudato posto nel contropiatto superiore, dove così apostrofa il lettore: “Se saper vol letor cui il libro scrisse, gli capiversi il nome non fallisse”. E in effetti le iniziali di ciascun verso, lette in acrostico, compongono il nome “IACOMO GRADONICO”.

Data ultimo aggiornamento 30/01/2015 - 10:42