Prenotazione soggiorno

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 

Comunicato stampa del: 16-02-2006

Rimini: una lunga linea continua

Rimini: una lunga linea continua
2000: la raffinata silhouette femminile di René Gruau; 2003 le donne futuriste e futuribili di Luigi Toccafondo; 2004: la sensualità sognante di Milo Manara; 2005: la pop-art di Jovanotti; 2006: le atmosfere rarefatte e infantili di Luca Giovagnoli.

Messi così in fila, uno di seguito all’altro, i manifesti che in questi ultimi anni hanno “dipinto” Rimini ci restituiscono non solo colori e atmosfere ma, soprattutto, ci rinviano alle innumerevoli immagini che, nei decenni, si sono rincorse e sovrapposte a disegnare il profilo di Rimini. Immagini così diverse fra loro a confermare quello che, nel senso comune, è ormai il marchio più caratteristico di Rimini: una realtà nella quale concretezza e virtualità si intersecano. E, ancora, immaginazione e fantasia finiscono per diventare il messaggio della Rimini d’inizio Terzo Millennio.

Curioso comunque il paragone con i manifesti che, più o meno un secolo fa, ritraevano Rimini. Curioso perché mentre la realtà nell’arco dei decenni é profondamente cambiata, la trama della immaginazione sulla città delle vacanze è rimasta immutata. I disegni di Adolfo Busi, Marcello Dudovich o Gino Ravaioli (guarda caso: il maestro di Gruau) negli anni Venti, oppure quelli Gogliardo Ossani negli anni Trenta sono certo differenti nello stile da un Manara o da un Toccafondo. O anche da un Giovagnoli. Ma denotano una sostanziale continuità nelle immagini che trasmettono. Una sostanziale continuità da rubricare alla parola “sogno”.

  

 

Stefano Pivato

Data comunicato: 
16 Febbraio 2006
2000: la raffinata silhouette femminile di René Gruau; 2003 le donne futuriste e futuribili di Luigi Toccafondo; 2004: la sensualità sognante di Milo Manara; 2005: la pop-art di Jovanotti; 2006: le atmosfere rarefatte e infantili di Luca Giovagnoli.