ciao

Prenotazione soggiorno

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 
Home / Press / Comunicati stampa / Archivio comunicati stampa / La Cina è sempre più vicina a Rimini

La Cina è sempre più vicina a Rimini

Cina
Al via il progetto di co-marketing rivolto al gigante asiatico, una grande opportunità per l’industria turistica locale

Tutti gli indicatori che riguardano il mercato cinese mostrano un turismo che ha ritmi di crescita vertiginosi. Dai 10 milioni di cinesi andati all’estero nel 2000, si stima siano 100 milioni i cinesi che, secondo l'Organizzazione mondiale del turismo, viaggeranno fuori dai propri immensi confini entro il 2020.
La nuova ondata di viaggiatori dal gigante asiatico è più curiosa, molto attenta all’Italian Style, ha ‘fame’ d'Europa e d’Italia.
Accanto allo stereotipo del turista cinese appassionato di tour tradizionale ‘Tour Eiffel e Venezia’, sta cominciando a decollare anche la ‘seconda generazione’ di turisti cinesi. Stiamo già assistendo ad una nuova ondata di turisti cinesi, che viaggiano in piccoli gruppi ma anche individualmente, che dimostrano buona capacità di spesa, crescita vertiginosa, grande interesse per l’Europa. L’identikit di questi nuovi viaggiatori ci dice che cercano divertimento, shopping, monumenti e arte, tour esperienziali.

E proprio al mercato turistico cinese è rivolto il progetto di co-marketing 2013 appena approvato dalla Giunta Comunale e presentato dall’Assessorato al Turismo del Comune di Rimini, in collaborazione con Apt Servizi, Agenzia di marketing turistico Riviera di Rimini, Rimini Reservation e Unione di Prodotto Costa.

La strategia è quella di presentare la nostra offerta con ciò che la contraddistingue: ricchezza storica e culturale, fascino delle città e dei borghi dell’entroterra, paradiso per gli acquisti, enogastronomia, golf e Formula 1 a due passi, qualità dei servizi, calore dell’accoglienza, flair italiano, strutture all’avanguardia per meeting e incentive, la vicinanza con uno Stato, la Repubblica più antica del mondo di San Marino, sono molti i motivi che possono spingere un cinese a scegliere Rimini come sosta di un viaggio.
In questo contesto Rimini con la sua innata capacità di saper intercettare le esigenze di una domanda sempre più evoluta e complessa, con una proposta rinnovata e che cerca sempre di essere un passo avanti, in un rapporto virtuoso tra ricerca costante dell’innovazione e capacità ospitale degli operatori e dei residenti, in questo contesto Rimini non può farsi trovare impreparata ad accogliere questa nuova ondata di viaggiatori.

Per trasformare le enormi potenzialità di questo mercato in arrivi e presenze, occorre però che il tessuto turistico locale si dia da fare per ‘sintonizzarsi’ con la domanda turistica del mercato più grande del mondo.
Da qui nasce il progetto di comarketing coordinato dal Comune di Rimini con l’obiettivo di stimolare l’attenzione verso questo nuovo enorme mercato potenziale, promuovere Rimini come emblema del made in Italy e sensibilizzare gli operatori verso una cultura dell'accoglienza che sappia intercettare i bisogni e gli stili di vita dei cinesi: dalle informazioni turistiche in lingua, alle guide che parlino mandarino e cantonese, dai bollitori elettrici negli alberghi, agli operatori pronti ad accettare le credit card cinesi. Senza dimenticare che quella cinese è la popolazione online più grande del mondo, con quasi 500 milioni di navigatori, e dunque l’offerta può facilmente viaggiare sul web.

“Vogliamo presentare Rimini ai cinesi come una sintesi dell’Italian Style – dice il Sindaco di Rimini e Assessore al Turismo Andrea Gnassi – e per fare questo occorre recuperare un po’ di quello spirito pionieristico che negli anni a ridosso della caduta del muro di Berlino, gettò le basi con i paesi dell’Est e con la Russia, divenuti oggi il nostro primo mercato estero. Il lavoro da fare, lo sappiamo, è tanto e non si può pensare che ciò porti dei risultati di breve termine, ma è necessario iniziare a seminare con costanza ed energia”.

Il progetto prevede la realizzazione delle seguenti azioni:
1) Accoglienza turistica: creazione di sito web di presentazione dell’offerta in lingua cinese
2) Accoglienza turistica: strumenti di informazione in mandarino
3) Educational tour e attività rivolte ai media cinesi
4) Workshop rivolti agli operatori
5) Sostegno alla promo-commercializzazione

Data comunicato: 
11 Marzo 2013