Prenotazione soggiorno

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 

Comunicato stampa del: 01-01-2011

Il brindisi d'Italia da Rimini fa il pieno di pubblico e di ascolti

Il brindisi d'Italia da Rimini fa il pieno di pubblico e di asco
Il brindisi d’Italia da Rimini fa il pieno
Si conferma lo straordinario successo di ascolti e di pubblico dello show di Capodanno in diretta da Rimini

Si conferma lo straordinario successo del binomio Rimini e Rai Uno a Capodanno: l’ottava edizione de “L’anno che verrà” – la prima nell’era del digitale terrestre - va in archivio registrando nuovi numeri da record sia sul fronte degli ascolti tivù che su quello del successo ‘di piazza’.
Nel dettaglio:
- 5.536.000 telespettatori hanno seguito la prima parte del programma con uno share pari al 34,83%, con punte di quasi 10milioni di telespettatori allo scoccare della mezzanotte (il Capodanno Mediaset su Canale 5 ha totalizzato 2.598.000 telespettatori per il 16,55% di share)
- 3.796.000 telespettatori hanno seguito la seconda parte dello spettacolo, fino all’1,33 del mattino, con uno share pari al 38,37%.

Per non parlare del bacino di utenza di 80milioni di telespettatori e di italiani nel mondo che, grazie a Rai international, hanno potuto seguire la festa di San Silvestro da nord America e America latina, Australia ed Oceania, Asia, Africa ed Europa.
Numeri da record anche sul fronte degli spettatori di piazza: complice una temperatura non troppo rigida, una folla festante di circa 50mila persone si è radunata in piazzale Fellini per assistere allo show in diretta tivù.
E ancora: 500 alberghi aperti con percentuali di riempimento vicine al tutto esaurito; ristoranti pieni sia sul lungomare che in centro storico che nell’entroterra.

Sono questi i numeri da primato dell’ottava edizione de ‘L’anno che verrà’, lo show di capodanno condotto per la prima volta da una frizzante padrona di casa come Mara Venier, affiancata dal brillante Pino Insegno.

Oltre quattro ore e mezza serrate di musica, comicità, ricordi, previsioni e spettacolo hanno contagiato il pubblico grazie ai vari ospiti che si sono alternati sul palco: a partire dai Pooh con le note dei loro 40 anni di successi, per continuare con Loredana Bertè, Patty Pravo, la giovane rivelazione di X Factor Noemi, gli Abba The Show. E ancora, ad interpretare alcune tra le canzoni più famose del repertorio italiano e straniero Orietta Berti, Luisa Corna, Paolo Mengoli, l’Orchestra Casadei, Rosalia Misseri, Piero Mazzocchetti, Fanny Cadeo, Cristiano Malgioglio, i 14 bambini del fortunato programma “Ti lascio una canzone” e tanti altri ancora.
Ospiti d’eccezione della serata Claudio Baglioni, in collegamento live da via dei Fori Imperiali a Roma e Luca e Diego dei Sonohra in concerto da Verona.
Spazio anche alla bellezza con Miss Italia in carica Francesca Testasecca che ha incoronato la prima miss dell’anno Fabiola Millettarì, che andrà di diritto a Salso Maggiore per la prossima edizione di Miss Italia.
‘Rimini terra di incontri’ è stata l’altra grande protagonista di tutta la serata, sempre evocata e proposta dai conduttori e presente con quattro vetrine dedicate: Rimini, città di Fellini, uno scrigno con duemila anni di storia, aperta 365 giorni all’anno, capitale dei grandi eventi, dalla Notte Rosa alle mostre di calibro internazionale a Castel Sismondo.
Novità di quest’anno: un augurio inedito a tutti gli italiani da parte del grande poeta e sceneggiatore Tonino Guerra che, con la sua curiosità e il suo spirito, dall’alto delle sue 90 primavere, ha saputo emozionare gli spettatori con il suo ricordo di Fellini e dei profumi della sua infanzia.
Come ogni anno, il momento culminante della serata è stato il grande brindisi di mezzanotte quando sul palco, insieme agli artisti, è salito il Sindaco di Rimini Alberto Ravaioli.

<<Se per tutti gli italiani _ commenta soddisfatto il Vicesindaco e Assessore al Turismo Antonio Gamberini - la Notte Rosa si è affermata come il Capodanno dell’estate, possiamo dire che il Capodanno è ormai indiscutibilmente il ferragosto d’inverno. Marina Centro e centro storico hanno registrato un via vai estivo.
Risultati straordinari anche in termini di comunicazione, ancor più rilevanti se leggiamo i dati Auditel tenendo conto del fatto che questo è stato il primo capodanno dell’era digitale che ha allargato i potenziali ‘concorrenti’ a centinaia di canali.
La città di Rimini è stata, se possibile, ancor più sotto i riflettori: dalla mega scritta ‘Rimini terra di incontri’ – lo slogan lanciato dal piano strategico - che campeggiava sul palco, alle videocartoline della città. E poi ancora i collegamenti in diretta con Tg 1 e Tg 3, le citazioni in tutti i Tg nazionali, i lanci all’interno dei più importanti contenitori televisivi delle reti Rai, le decine di spot pubblicitari di annuncio della serata che, a partire dalla vigilia di Natale fino a ieri, hanno invitato a trascorrere il capodanno “in diretta da Rimini”, con immagini della città come sfondo. Tutto questo patrimonio di comunicazione, così come l’effetto volano per l’ economia turistica di tutto il territorio provinciale, non possono essere perdute per cui il mio augurio per il 2011 è quello di dare appuntamento alla Rai in piazzale Fellini anche il prossimo 31 dicembre>>


Bilancio di grande successo anche per gli eventi collaterali: 50 mila persone hanno visitato sino ad oggi il Ice Village e presepe di sabbia al porto di Rimini (con punte di 10mila ingressi all’ice village nella sola giornata del 31 dicembre), 20mila visitatori registrati fino ad oggi al presepe di sabbia di Torre Pedrera. 3mila ingressi -dal 1 dicembre ad oggi- per Domus del Chirurgo e Museo della città promossi anche nell’ambito dell’iniziativa Rimini City Pass.
Anche l’opera lirica apre l’anno con la Carmen all'insegna del tutto esaurito: entrambe le recite dell’1 e del 3 gennaio hanno registrato in prevendita il sold out per un totale di 1600 spettatori per ogni rappresentazione.

San Silvestro è stato festeggiato in modo del tutto tranquillo, il Sindaco e l’Assessore al Turismo Antonio Gamberini ringraziano le forze dell’ordine, il Questore Capocasa, il Comandante dei Carabinieri, il Comandante dei vigili urbani e tutti coloro i quali hanno garantito servizi efficienti.


Data comunicato: 
1 Gennaio 2011