Prenotazione soggiorno

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Età bambino 1

Età bambino 2

Età bambino 3

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 
Home / Notizie / A Rimini la XXXVIII edizione del Meeting per l'amicizia fra i popoli

25-07-2017

A Rimini la XXXVIII edizione del Meeting per l'amicizia fra i popoli

Meeting 2017

Il Festival estivo d’incontri, cultura, musica e spettacolo più frequentato del mondo, ritorna a Rimini come ogni anno nella seconda metà di agosto.
La manifestazione, dal carattere marcatamente internazionale, si propone come un crocevia di testimonianze ed esperienze di diversa provenienza culturale: avvenimento vivace e unico nel panorama mondiale, che conta circa 800.000 presenze.

Cos’è il Meeting di Rimini
Il Meeting per l’amicizia fra i popoli nasce nel 1980: un incontro tra persone di fede e culture diverse, un luogo di amicizia dove si possa costruire la pace, la convivenza e l’amicizia fra i popoli. Da allora ogni anno arrivano grandi personaggi della politica, manager dell’economia, rappresentanti di religioni e culture, intellettuali e artisti, sportivi e protagonisti dello scenario mondiale. Tutto questo nei sette giorni dell’appuntamento che è diventato negli anni il festival culturale più frequentato al mondo.

L’edizione 2017
Il titolo del prossimo Meeting per l’amicizia fra i popoli tratto dal “Faust” di J.W. Goethe è “Quello che tu erediti dai tuoi padri, riguadagnatelo, per possederlo”, ponendo così l’accento sul bisogno di riappropriarsi di quello che ci è stato lasciato in eredità.

GLI INCONTRI e GLI OSPITI
Nel corso del Meeting 2017, che si terrà dal 20 al 26 agosto nella Fiera di Rimini, si terranno oltre 120 incontri con 300 relatori. Tra gli ospiti di questa edizione, il segretario generale Nato Jens Stoltenberg, il presidente del parlamento Europeo Antonio Tajani, gli economisti Erik Jones, Dennis J. Snower, Jeromin Zettelmeyer e Domenico Lombardi, l’inviato UE per la libertà religiosa Ján Figel’ e l’intellettuale francese Olivier Roy. Ci saranno anche il metropolita russo Hilarion, il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco e Adrian Paci, artista di fama internazionale. Nell’ultimo giorno sarà presente il segretario di stato vaticano Pietro Parolin, mentre il titolo di quest’anno verrà presentato da monsignor Pierbattista Pizzaballa, amministratore apostolico di Gerusalemme. All'inaugurazione, domenica 20 agosto, parteciperà anche il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

LE MOSTRE
Al Meeting saranno presenti circa venti mostre, che toccheranno i temi delle nuove generazioni e dei volti giovani dell’Italia multietnica, ma anche del lavoro, a partire dalle domande poste dai giovani che si affacciano nel mondo delle professioni. La mostra “Il passaggio di Enea” presenterà opere di importanti artisti contemporanei che riflettono sull’eredità del passato, mentre in occasione del centenario si terrà un’esposizione su “Russia 1917. Il sogno infranto di un mondo mai visto”. A cura dei francescani di Terra Santa invece la mostra “La terra più amata da Dio. La Custodia di Terra Santa”.

GLI SPETTACOLI
Tra i tanti appuntamenti da segnalare l'esordio di domenica 20 con un’edizione che vede oltre 170 persone in scena della Madama Butterfly di Puccini in forma di concerto con la China National Opera House. “Solaris” porterà la fantascienza a teatro, mentre un grande attore come Massimo Popolizio proporrà “Padre e figlio”, un testo di Fabrizio Sinisi che prende spunto dal tema del Meeting. “Un sussulto al cuore”, infine, è il titolo del concerto per orchestra e coro con musiche di Emmanuele Lo Russo.

 

L'intero PROGRAMMA su www.meetingrimini.org