Prenotazione soggiorno

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 

09-05-2006

Parte da Rimini il Motogiro d'Italia

400 moto d'epoca accenderanno i motori il 16 maggio con ritorno il 20 maggio e spettacolo finale di Paolo Cevoli
Parte il 16 maggio da Rimini l’edizione 2006 del Motogiro d’Italia, rievocazione di un classico del motociclismo italiano. Quest’anno, le cinque tappe lunghe in media 250 km si dirameranno tra i dolci panorami collinari e marini dell’Italia centrale, percorrendo itinerari che in molti punti si sovrappongono a quelli degli anni d’oro della manifestazione (1953-1957).

La gara prende il via da Piazzale Fellini alle 11.00 e la prima tappa tocca la Repubblica Di San Marino, Urbino, Acqualagna, Cagli, Chiaravalle, Falconara Marittima per concludersi ad Ancona

Il 17 maggio, dopo aver lasciato Ancona, la seconda tappa si snoda tra i comuni di Filottrano, Cingoli, San Severino Marche, Camerino, Sarnano, Ripatransone, Offida, Appignano Del Tronto, con finale ad Ascoli Piceno. Il 18 maggio ci si muove da Ascoli alla volta di Cortino, L’Aquila, Isola del Gran Sasso d’Italia,Teramo, con arrivo ancora ad Ascoli Piceno. Il 19 maggio, la quarta tappa porta i partecipanti da Ascoli Piceno attraverso Spinetoli, Grottazzolina, Montappone, Mogliano, Corridonia, Recanati, Osimo, Ancona.

La quinta ed ultima tappa del Motogiro 2006 parte il 20 maggio da Ancona e tocca Morro d’Alba, Ostra, Fano, Pesaro, Gabicce Monte, Gabicce Mare, Montefiore Conca e Coriano da dove partirà intorno alle ore 16 la parata finale alla volta di Piazzale Fellini a Rimini. Sempre il 20 maggio, durante la serata, l’evento si conclude in bellezza con la cena e premiazione finale, realizzata grazie al supporto del Comune di Rimini, durante la quale vengono premiati i migliori classificati delle diverse tappe e dell’intera gara. Il fortunato vincitore assoluto si aggiudicherà una Ducati Sport1000 della famiglia SportClassic. Ospite d’onore della della serata sarà Paolo Cevoli, comico conosciuto per i suoi personaggi di Zelig: l’assessore Cangini Palmiro, l'imprenditore Teddi Casadey e Lothar, il sostituto con il certificato. Cevoli prenderà parte anche alla parata del pomeriggio da Coriano a Rimini.

Le edizioni dal 2001 al 2005 hanno visto una crescita costante dell’interesse e dell’entusiasmo verso il Motogiro, che dai 120 partecipanti della prima edizione, si attesta oggi intorno alle 400 presenze di provenienza internazionale. Ogni anno sono stati ospitati i campioni del Motogiro anni Cinquanta e sull’ideale passerella della Penisola ha sfilato il meglio della produzione motociclistica Italiana: Ducati, Morini, MV Agusta, Moto Guzzi, Benelli, Bianchi, Gilera, Motobi. Nel 2006, si festeggia il 50° anniversario della vittoria assoluta di Giuliano Maoggi nel 1956. Il pilota toscano parteciperà alla gara, insieme a Remo Venturi, che trionfò nell’ultima edizione del 1957, a Emilio Mendogni che vinse nel 1955 e ad altri piloti e personaggi di rilievo del motociclismo italiano.

Nel 2006 Il Motogiro prevede  ancora una volta tre classi di partecipazione: la Classe Rievocazione Storica, il Memorial Taglioni e la Classe Turistica.

Classe Rievocazione Storica

Può accogliere un massimo di 120 concorrenti. Sono ammessi motocicli fino a 175 cc fabbricati prima del 1957 o successivamente, ma ispirati a quelli che gareggiavano al Motogiro, che vengono selezionati individualmente previo invio obbligatorio di due foto lato dx e sx. I partecipanti al raid storico sostengono prove di abilità a tempo durante il percorso

Classe Memorial Taglioni

La classe è aperta ai motocicli con cilindrata minima di 250 cc, prodotti tra il 1968 e il 1978, periodo in cui il geniale ingegnere della Ducati creava alcune tra le sue memorabili bicilindriche. Gli iscritti al Memorial partecipano a prove di abilità loro riservate, attraverso le quali viene stilata una speciale classifica.

Classe turistica

Per chi possiede moto di fabbricazione recente e vuole vivere l’atmosfera del Motogiro in modo più rilassato e ad un livello non competitivo. La classe è aperta a motocicli recenti di tutte le marche, che seguiranno lo stesso itinerario della Rievocazione Storica.