Prenotazione soggiorno

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 

19-03-2010

Nuova sede e nuovi orari per la Casa Museo Fellini

Rimini ha un nuovo polo cinematografico con l’archivio, l ’esposizione permanente e la biblioteca tematica

Nuova sede per la Fondazione intitolata al grande regista, messa a disposizione dal Comune, in via Nigra 26, nei pressi dell' Arco d'Augusto.

In attesa del completamento della ristrutturazione del Cinema Fulgor - in cui Museo, Fondazione, archivio e cineteca troveranno sede definitiva come Casa del Cinema, con un progetto firmato da Dante Ferretti (scenografo di Fellini e premio Oscar per The Aviator e Sweeney Todd) - la Fondazione Fellini trova temporaneamente casa in via Nigra. L'istituto comprende l'archivio Fellini, consultabile su prenotazione da studiosi e cinofili, la biblioteca tematica, l'esposizione fotografica e di cimeli felliniani e si propone come polo cinematrografico cittadino.


La Casa-Museo, inaugurata ufficialmente lo scorso 6 novembre in occasione del convegno internazionale dedicato al Maestro riminese e del Premio Fondazione Fellini a Sidney Lumet, rimane aperta al pubblico il sabato, la domenica e tutti gli altri giorni festivi dell'anno, dalle ore 10 alle 12 e dalle ore 16 alle 19. Gli uffici sono invece operativi dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 17.


Insieme alle stanze degli uffici e dell'archivio, il visitatore può accedere ad alcuni elementi provenienti direttamente dalla mano del Maestro: sono infatti esposti, a beneficio di tutti, costumi del film Roma, il cosiddetto "uccello amoroso" (il congegno meccanico che accompagnava nel Casanova le prestazioni erotiche dell'avventuriero veneziano), nonché locandine delle pellicole più famose, Fellini-Satyricon, E La nave va, Intervista, Lo sceicco bianco, Il bidone, Amarcord, Il Casanova, Roma, La città delle donne, La voce della luna, Luci del Varietà e I vitelloni. Esposizione di foto di scena de Lo sceicco bianco, Le notti di Cabiria, Amarcord, Boccaccio '70, e di altre foto dai set di Fellini appese su tutte le pareti, così come i disegni preparatori di parte dei suoi film, quei disegni che servivano al regista per fissare le prime idee dei personaggi che avrebbero poi popolato i suoi capolavori, dopo essere state trasmesse ai suoi collaboratori. Non poteva mancare, disponibile per la consultazione, una copia del Libro dei sogni, dal quale altri disegni sono stati comunque tratti per arredare le pareti della sala-biblioteca.
All'interno è anche operante un piccolo bookshop in cui i visitatori possono acquistare oggetti e volumi della Fondazione, fra i quali i cataloghi delle mostre, le monografie e tutti i numeri della rivista di studi felliniani "Fellini Amarcord", giunta ormai al decimo anno di vita.

Nel giardino, che si affaccia sul parco Cervi, la sagoma di una nave, con a bordo altri schizzi colorati di Fellini, sembra alludere al mitico transatlantico Rex di Amarcord.



Info: tel. 0541 50303 / 50085 fax. 0541 57378  www.federicofellini.it