Prenotazione soggiorno

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 

04-11-2005

Luca Giovagnoli firma la Rimini del 2006

Al talento emergente dell'arte contemporanea il compito di disegnare l'immagine balneare della città

Sarà il pittore riminese Luca Giovagnoli a realizzare l’immagine testimonial dell’estate 2006 a Rimini.
Giovagnoli, tra i talenti emergenti dell’arte contemporanea nazionale, entra a far parte del carnet di grandi personaggi che- dal 2000 ad oggi- hanno filtrato alla luce della propria sensibilità artistica l’immaginario di Rimini. Da Reneé Gruau a Ugo Bertotti, da Gianluigi Toccafondo a Milo Manara e quindi Jovanotti (clicca qui per entrare nella galleria fotografica e votare la tua immagine preferita), di anno in anno i materiali promozionali degli eventi riminesi sono stati caratterizzati dal segno di autori punto di riferimento nei campi dell’affiche pubblicitaria, dell’illustrazione, della grafica, del fumetto, dello spettacolo, ma tutti con un forte legame con la città di Rimini. Un portfolio che è l’ideale proseguimento della celebre tradizione che, dagli anni Venti del XX secolo, ha consentito di annoverare tra i creatori di immagini balneari legate a questa città artisti quali Marcello Dudovich, Adolfo Busi, e negli anni Novanta Ugo Nespolo e Milton Glaser.

A Luca Giovagnoli- ai suoi inconfondibili profili sognanti di città di mare, di teatrali Grand Hotel, di incontri sulla sabbia scie persistenti di una sottile nostalgia collettiva- è affidato il compito di realizzare l’immagine che nel 2006 figurerà sui manifesti, sulle guide degli eventi, sulle pubblicità, sulle cartoline, sui gadget dell’estate di Rimini.
Nato a Rimini, quarantadue anni, Luca Giovagnoli ha esposto i suoi lavori in alcune tra le più prestigiose gallerie d’arte contemporanea d’Italia. Ricordiamo in sintesi alcune delle mostre più recenti: ‘Lo sguardo dell’ape’ (Galleria Bonelli Arte Contemporanea, Mantova, 2000, a cura di Alessandro Riva), ‘Microstorie’ (Sala del Baraccano, Bologna, 2001, a cura di Franco Basile), ‘Lettere anonime’ (Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, San Marino, 2002, a cura di Vittoria Coen), ‘Intrighi di palazzo’ (Palazzo Pretorio, Certaldo, 2003, a cura di Maurizio Sciaccaluga), ‘L’Essenza apparente’ (Galleria L’Immagine, Arezzo, 2003, a cura di Giovanna Faccenda), ‘Non ti potrò baciare’ (Galleria Art Factory, Modena, 2003, a cura di Paolo Manazza), ‘Notte di mare’ (Magazzini del Sale, Venezia, 2004), ‘Zimmer Frei’ (Palazzo del Podestà, Rimini, 2005), ‘A che punto è la notte’ (Galleria Spirale Arte, Pietrasanta, 2005).

Sono attualmente in corso sue esposizioni a Piacenza, Milano e Roma. Nel 2006 sono programmate mostre a Siena e Amsterdam.

Giovagnoli ha realizzato opere per campagne pubblicitarie di Agfa (materiali fotografici, 1997) e Peugeot Italia (automobili, 1999).

La Citizen (orologi) ha scelto due sue opere per la campagna pubblicitaria italiana 2005-2006.

Inconfondibile il suo stile, caratterizzato da grandi campiture cromatiche accompagnate da tecniche tipiche dell’action painting su una tela ‘trattata’ con diversi strati di sabbia e quindi dipinta e graffiata.

“Mi accosto a questa opera con la consapevolezza e la responsabilità di dovermi confrontare con la lunga e celebrata tradizione della grafica balneare riminese- dichiara Luca Giovagnoli-. Credo che mi concentrerò in particolare sul rapporto tra la notte riminese e la spiaggia: l’atmosfera che da sempre evoca- frutto di spinte apparentemente contrapposte, tra calma naturale e movimento della città, tra ritmi del mare e vita degli uomini- è un impulso affascinante per una interpretazione artistica di Rimini.”
L’opera- che entrerà poi a far parte del patrimonio del Museo della Città- e i materiali promozionali verranno ufficialmente presentati prima delle festività pasquali del prossimo anno.

 L’Amministrazione Comunale di Rimini ringrazia Luca Giovagnoli per avere accettato la proposta. L’artista ha scelto di prestare la sua opera gratuitamente. “Un dono, non so se piccolo o grande, che faccio alla mia città, continua ispiratrice dei miei lavori.”