Prenotazione soggiorno

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 

25-03-2008

Le proposte dei Musei per la Settimana della cultura

'Una festa per tutti' al Museo della Città e al Museo degli Sguardi
Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali ha indetto dal 25 al 31 marzo 2008 la X Settimana della Cultura con lo slogan "Una festa per tutti" che abbraccia tutti settori della cultura italiana a sottolineare la ricchezza e complessità del patrimonio e, di riflesso, la forza vitale della cultura, fattore di crescita individuale e collettiva.

Accogliendo l’indirizzo del Ministero, i Musei Comunali di Rimini invitano il pubblico a visitare le proprie sedi espositive (il Museo della Città e il Museo degli Sguardi), partecipando a percorsi guidati.

 

Museo della Città

Via L. Tonini, 1 - Rimini

Tel. 0541.21482

 

Visite guidate

Il Museo della Città avrà il piacere di offrire la possibilità di visitare le proprie esposizioni permanenti e la "domus del chirugo" di recente inaugurazione con ingresso gratuito, nonché visite guidate gratuite su prenotazione (0541.21482) secondo la seguente articolazione:

Ø       da martedì a venerdì                   ore 17,00:Domus del chirurgo e sezione archeologica

                                                                                                                        ore 18,00 Sezione medievale e moderna

Ø       sabato 29                         ore 10,45 /11,30/ 18,00

Domus del chirurgo e sezione archeologica

ore 17,15 Il complesso archeologico di piazza Ferrari: 2000 anni di storia, visita condotta da Maria Grazia Maioli (Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia Romagna)

Ø       domenica 30                                ore 16,15 Domus del chirurgo e sezione archeologica

Il Museo della Città e la domus del chirurgo

Nel settecentesco Collegio dei Gesuiti, sede delle raccolte museali, si possono ammirare il Lapidario romano e le testimonianze della Rimini imperiale fra II e III secolo - la prima parte della sezione archeologica - in cui figurano i reperti della domus di piazza Ferrari con l’eccezionale strumentario chirurgico accanto agli splendidi mosaici dalla domus di palazzo Diotallevi. 

Il visitatore potrà quindi entrare nella Sezione medievale e moderna seguendone i vari percorsi, alla scoperta dei tesori della Scuola riminese del Trecento, dei capolavori di età malatestiana, delle opere cinquecentesche, delle nature morte  e dei personaggi rappresentati nei ritratti fra il XVIII ed il XX secolo.

 

La domus del chirurgo

In piazza Ferrari, a due passi dal Museo della Città, è aperta dal dicembre scorso l'area musealizzata che ospita un complesso insediativo sviluppatosi dall'età romana all'età tardo-antica. Lo scavo ha portato in luce una domus di età romana, una residenza palaziale tardoantica, sepolture e tracce di abitazioni altomedievali, murature di epoca basso medievale e moderna.

Grande interesse riveste l'abitazione di età imperiale chiamata domus del chirurgo dalla professione di chi per ultimo vi risiedette. Distrutta da un incendio nella metà del III secolo sotto l'incalzare dei barbari, la domus ha conservato ambienti ornati da splendidi mosaici, affreschi e raffinati arredi, tra i quali un quadretto in vetro con raffigurazione di pesci. Eccezionale il corredo chirurgico-farmaceutico restituito dalla taberna medica annessa alla domus: la quantità  e la varietà degli strumenti (più di 150!) denotano che il chirurgo operava in varie branche della medicina, mentre l'attività di farmacista è testimoniata da mortai in pietra, pestelli, bilance, contenitori in vetro e in ceramica. La visita allo scavo si integra con quella ai reperti esposti nella Sezione Archeologica del Museo.

Nell’arco della settimana il Museo e la domus del chirurgo restano aperti secondo l'orario attualmente in vigore:

            Orari:            dal martedì al sabato    8,30-12,30/17-19

                        domenica                    16,00-19,00

                        lunedì                         chiuso

 

Museo degli Sguardi

Via delle Grazie, 12 - Covignano di Rimini

Tel. 0541.751224

Il Museo degli sguardi riserva per l'occasione visite guidate gratuite e proiezioni di filmati

 Visite guidate

 Visite guidate gratuite:

da martedì a venerdì                          ore 10,30 Museo e mostra "Lo sguardo altrove…"

sabato e domenica           ore 10,30/16,30 Museo e mostra "Lo sguardo altrove…"

Sabato 29                                                  ore 17,30 proiezione video L'oro degli Incas (45 min.), ed. Laservisio)

Domenica 30            ore 17,30 proiezione del video Masai, i guerrieri della savana (60 min.), ed. National Geographic Video

Il "Museo degli Sguardi", ospitato nella settecentesca Villa Alvarado, si configura come uno dei principali musei italiani dedicati alle culture a livello etnologico e archeologico dell'Africa, dell'Oceania e dell'America precolombiana, con reperti che ne fanno una delle raccolte più significative nel panorama europeo.

La mostra "Lo Sguardo altrove...", organizzata dall'Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna in collaborazione con i Musei di Rimini, presenta i primi risultati del rilevamento dei beni culturali etnografici effettuato presso i musei emiliano-romagnoli. L'esposizione si sofferma sui musei dell'Emilia-Romagna che hanno partecipato al Progetto Etno, presentando alcuni dei loro manufatti più significativi e mettendo in evidenza la varietà delle collezioni.

Il Museo degli Sguardi correda l'esposizione con una serie di opere non presenti nell'esposizione permanente. I pregevoli manufatti proposti esemplificano i segni e linguaggi artistici di culture diverse e provenienti dai tre continenti maggiormente documentati nel Museo.

 

Il Museo degli Sguardi osserverà il consueto orario di apertura con chiusura il lunedì:

da martedì a venerdì  9,00 -12,00

sabato, domenica        10,00 - 13,00

                                     16,00 -19,00