Prenotazione soggiorno

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 

05-08-2007

Le notti di Cabiria chiudono il ciclo di film felliniani proiettati sulla spiaggia

Lunedì 6 agosto davanti al Grand Hotel, introduce Vittorio Boarini
Le notto di Cabiria chiudono il ciclo di film felliniani proiettati sulla spiaggia di Rimini. A’marena, la rassegna di cinema itinerante, e Fellini Estate chiudono il ciclo di film dedicati al grande Maestro con un’opera vincitrice del Premio Oscar come miglior film straniero nel 1957, proiettato lunedì 6 agosto alle ore 21,30 nella spiaggia antistante il Grand Hotel. Introdurrà il film il direttore della Fondazione Federico Fellini, Vittorio Boarini.

La storia delinea un personaggio, magistralmente interpretato dalla moglie Giulietta Masina, che ha fatto storia: la prostituta candida e ingenua che, pur maltrattata e tradita continuamente, mantiene la generosità e l’ottimismo per andare avanti.

Tutto il racconto, scritto insieme ai fidati collaboratori dell’epoca Ennio Flaiano e Tullio Pinelli in collaborazione con Pier Paolo Pasolini e Brunello Rondi, si sviluppa per episodi che contribuiscono poco per volta a conoscere sempre meglio la protagonista ed i suoi pensieri, sentimenti e speranze; in questo modo il regista riminese riesce a farcela sentire vicino e a farci partecipare al suo triste destino ed alla sua accanita tenacia nello sperare. L’invito a sorridere alla vita che viene fatto attraverso questa pellicola, anche quando tutto pare tristezza e disperazione, diventa in questo modo credibile, come un quadro ben dipinto rende credibile il proprio soggetto.

Fellini riesce magistralmente a mantenersi in equilibrio tra lirismo ed eccessivo realismo, evitando sia il compatimento sia il cinismo. Riesce a tratteggiare paesaggi interiori ed esterni con passione e aderenza al vero, senza rinunciare al proprio personalissimo gusto di proporre situazioni e personaggi minimali e tuttavia bizzarri e poetici. L’intero mondo ‘felliniano’ è rappresentato da questi ‘dimenticati dalla Storia’ e dai loro tumulti interiori, che vengono guardati con una sorta di tenerezza di pascoliana memoria.

"La censura aveva proibito il film e io non volevo che bruciassero i negativi. Così, seguendo il consiglio di un amico gesuita intelligente e forse un po’ spregiudicato, padre Arpa, andai a Genova da un cardinale famoso, considerato uno dei papabili e forse anche per questo assai potente, per chiedergli di vedere il film. In una minuscola saletta di proiezione situata proprio dietro il porto, aveva fatto mettere, al centro, una poltrona comprata il giorno prima da un antiquario, una specie di trono con un gran cuscino rosso e le frange dorate. Il cardinale arrivò a mezzanotte e mezza sulla sua Mercedes nera. A me non fu concesso di restare nella sala e non so se l’alto prelato vide davvero tutto il film o se dormì; probabilmente padre Arpa lo svegliava nei momenti giusti, quando c’erano processioni o immagini sacre. Fatto sta che alla fine disse: 'Povera Cabiria, dobbiamo fare qualcosa per lei!'. E penso che gli sia bastata una semplice telefonata.”

(Federico Fellini, Intervista sul cinema, a cura di Giovanni Grazzini, Laterza, Roma-Bari, 1983, pp. 102-103)

 

Le notti di Cabiria

Un film di Federico Fellini. Con Franca Marzi, Giulietta Masina, Amedeo Nazzari, Dorian Gray, François Périer, Franco Fabrizi, Mario Passante, Ennio Girolami, Pina Gualandri, Polidor, Aldo Silvani, Amedeo Girard, Marianne Hold, Mimmo Poli, Riccardo Fellini, Ada Colangeli, Ciccio Barbi, Franco Balducci, Sandro Moretti, Edda Evangelista, Nino Milano. Genere Drammatico, b/n, 105 minuti. Produzione Italia 1957

 

Tutte le serate di A’marena sono ad ingresso gratuito

 

In caso di maltempo le proiezioni avranno luogo presso la Cineteca Comunale (via Gambalunga 27) 

Tutte le informazioni su A’marena sono su: www.riminieventi.it - www.ondalibera.net