Prenotazione soggiorno

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 

19-01-2006

L'arte di Fellini in mostra fino al 5 marzo

Prosegue l'esposizione della collezione Gèleng e dei costumi di Danilo Donati
 

Prosegue fino al prossimo 5 marzo la mostra “L’arte di Fellini nella collezione Gèleng e nei costumi di Danilo Donati”, allestita al Museo Fellini in Via Clementini, 2.

 

La mostra comprende molti dei materiali che il pittore, ritrattista, pubblicitario Rinaldo Gèleng (e poi i suoi figli Giuliano e Antonello) ha raccolto in oltre 50 anni di amicizia e collaborazione col maestro: si tratta di disegni, lettere e appunti ceduti successivamente al Comune di Rimini.

 

Come si vede dal ritratto in carboncino su tela che immortala il regista nelle sue sembianze giovanili, l’amicizia tra Fellini e Gèleng inizia sin dal 1939, subito dopo che il regista, diciannovenne, si stabilisce a Roma. Tra le curiosità della collezione, gli schizzi realizzati dal maestro su tovaglioli di stoffa: immagini ironiche e cariche di erotismo, caricature divertite (una dedicata all’amico Gèleng), accennate in qualche momento di pausa.

 

In esposizione anche quattro costumi realizzati da Danilo Donati (che vinse per l’occasione il Premio Oscar) per “Il Casanova di Federico Fellini”; sono i vestiti di Madame d’Urfé, dell’amante dell’ambasciatore francese, del Doge e di una mascherina carnevalesca.

 

Infine, di particolare interesse, i quattro disegni che fanno parte del famoso Libro dei Sogni: un insieme di fogli in cui il regista riportava i propri sogni con disegni e parole, libro che la Fondazione acquisirà interamente entro breve, una testimonianza straordinaria che sarà presto a disposizione di appassionati e curiosi.

 

La mostra si può visitare gratuitamente tutti i giorni (escluso il lunedì) dalle 16.30 alle 19.30; il sabato e la domenica dalle 10 alle 12 e dalle 16.30 alle 19.30.

Prosegue fino al prossimo 5 marzo la mostra “L’arte di Fellini nella collezione Gèleng e nei costumi di Danilo Donati”, allestita al Museo Fellini in Via Clementini, 2.