Prenotazione soggiorno

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 

26-08-2002

I personaggi nella Rimini della Belle Epoque

27 agosto, conversazione a cura di Manlio Masini

Una Rimini della Belle Epoque, vivace e mondana, dal clima frizzante e dalle fervida vita culturale sarà la protagonista dell’ultimo appuntamento del ciclo ‘Sere d’estate al museo’, organizzato dai Musei Comunali di Rimini. Martedì 27 agosto alle 21,30, Manlio Masini terrà una conversazione dal titolo ‘Personaggi e luoghi della memoria nella Rimini della Belle Epoque'.

Nella suggestiva cornice del Lapidario romano nel Museo della Città (via L. Tonini, 1), Manlio Masini, noto scrittore e cultore di storia del costume della marina riminese, rievocherà attraverso aneddoti e curiosità, il clima effervescente della Rimini della Belle Epoque a partire dal 1897, anno di apertura del primo café-chantant. Una Rimini animata dalla presenza di personaggi famosi, quali Enrico Caruso, Eleonora Duse e Massimo D'Azeglio, le sorelle Irma ed Emma Gramatica, Elena Bianchini Cappelli, Pietro Mascagni, Ermete Novelli. Astri nascenti, storie d'amore, divi colti nei loro aspetti meno noti, rivivono nei luoghi che li hanno visti protagonisti, il Kursaal, l'Arena al Lido, i café-chantant e i salotti dei villini, avvolti dall'armonia del tango, il nuovo ballo contro cui si scagliano gli anatemi del futurista Filippo Tommaso Marinetti.

L'appuntamento segna la conclusione del ciclo "Sere d'estate al Museo", che quest'anno, spostato alla serata del martedì, ha ottenuto un successo mai prima riscontrato. Il numeroso pubblico, attento e interessato, ha mostrato di gradire la varietà della proposta culturale che ha alternato l'arte dei cartoons, particolarmente seguita anche dai più giovani, alle conversazioni incentrate sul divertimento nella Rimini tra Ottocento e Novecento, alle visite guidate alle collezioni permanenti del Museo, per la prima volta realizzate anche in lingua inglese.

In caso di maltempo la conversazione si terrà nella Sala del Giudizio del Museo della Città. L'ingresso alla conferenza è libero. Per informazioni: tel. 0541/55414-21482