Prenotazione soggiorno

Stai entrando in riminireservation.it

 
Prenota il tuo soggiorno
 

05-02-2004

Buon compleanno, Federico

Fellini e i suoi film nei disegni della collazione Renzi

Novanta coloratissimi disegni del Maestro riminese dal 20 gennaio sono esposti, per la prima volta, presso il Museo Fellini. In occasione dell’84° anniversario della nascita del regista, il Museo Fellini ha inaugurato la mostra "Fellini e i suoi film nei disegni della collezione Renzi".

Critico e studioso di cinema, autore di cortometraggi e documentari, Renzo Renzi è l’ideatore e il curatore della collana "Dal soggetto al film", all’interno della quale la casa editrice Cappelli ha pubblicato le sceneggiature dei più importanti film italiani del dopoguerra. Per quanto riguarda il rapporto con Fellini, Renzi ha lavorato a quattordici volumi a lui legati a vario titolo, fra essi vanno almeno ricordati la prima monografia sul regista pubblicata per la Guanda (1956), La mia Rimini (Cappelli, 1967) e I clown (Cappelli, 1970). È stato fra i fondatori della Cineteca di Bologna.

Le opere esposte, che illustrano il percorso di un’amicizia e di una collaborazione ultratrentennali, presentano diversi aspetti dell’espressività grafica di Fellini e della sua capacità di variare tecniche e stili, alternando pastelli, pennarelli e acquerelli, al servizio di appunti per collaboratori, ad esempio durante la lavorazione di film come Le notti di Cabiria, o di complesse rielaborazioni di opere già licenziate da molti anni, come quelli realizzati per i volumi di Renzi degli anni settanta che ripropongono Sordi come Sceicco bianco o il carro di Zampanò de La strada.

La suddivisione scelta per una migliore comprensione dell’intero percorso prevede cinque blocchi: "Renzo e gli altri", che contiene le caricature di amici e collaboratori (lo stesso Renzi, Nino Rota, Danilo Donati, Bernardino Zapponi, ecc.); "Giulietta, Cabiria, Gelsomina", con i ritratti della Masina in riferimento soprattutto a La strada e Le notti di Cabiria; "Il circo", una serie in parte già pubblicata nel citato volume della Cappelli sui clown; "Rimini e dintorni", il più cospicuo, che comprende molti disegni su Amarcord e I vitelloni, o su personaggi di cui si parla ne La mia Rimini; infine "Ancora cinema", con schizzi e bozzetti che hanno per soggetto altri capolavori della filmografia felliniana (Lo sceicco bianco, La strada, Il bidone, Le notti di Cabiria, La dolce vita, ecc.).

La mostra resterà aperta fino al 21 marzo 2004.

orario: 16-19

sabato e domenica: 10-12 / 16-19

lunedì chiuso

ingresso gratuito

Museo Fellini

Rimini - via Clementini 2 (angolo via Oberdan)

museo@federicofellini.it